Riabilitazione

 
 

La riabilitazione del pavimento pelvico, o perineo, può essere definita come “un insieme di tecniche di tipo conservativo, con una nulla o minima invasività, che hanno lo scopo di attenuare o risolvere i segni e sintomi derivanti dalle disfunzioni della muscolatura che costituisce il pavimento pelvico stesso”.   La riabilitazione pelvi-perineale può essere divisa in tre momenti fondamentali:

  1. presa di coscienza della muscolatura

  2. potenziamento della muscolatura

  3. “attivazione” e corretto utilizzo della muscolatura nella vita di tutti i giorni (automatizzazione)

Le tecniche di cui si avvale la riabilitazione del pavimento pelvico sono:

 
  • Chinesiterapia o ginnastica perineale

  • Biofeedback

  • Elettrostimolazione funzionale (SEF)

Oltre a queste tecniche che prevedono l’utilizzo attivo e/o passivo della muscolatura esistono anche delle norme comportamentali, delle abitudini che, a seconda del problema, vanno in qualche modo modificate.

Quali sono i punti essenziali di un programma riabilitativo? 

 

Prima seduta

prevede la raccolta dell’anamnesi per capire qual’è la natura del problema, quali fattori possono essere implicati nell’insorgenza o nel peggioramento della situazioni, quali abitudini di vita (lavoro, attività sportiva…) possono incidere negativamente o positivamente sul problema… Oltre al colloquio fondamentale importanza rivestono l’esame obiettivo ed il cosiddetto PC test. In questa fase:

  • verranno ispezionati i genitali esterni

  • verrà valutata la presenza di un eventuale prolasso

  • verrà valutata la capacità della paziente di contrarre in modo selettivo la muscolatura del pavimento pelvico, ovvero se alla richiesta di contrarre tale muscolatura verranno utilizzati muscoli accessori (glutei, adduttori, addominali..)

  • verrà valutata la capacità di reclutamento della muscolatura del pavimento pelvico in seguito ad uno sforzo (colpo di tosse)

In particolare il PC test serve per valutare la forza e la resistenza della muscolatura perineale.

 

Sedute successive (Programma riabilitativo)

 

Sulla base dei dati raccolti il terapeuta fissa in accordo con la paziente gli obiettivi da raggiungere ed imposta un programma riabilitativo.

Il programma riabilitativo, a seconda delle diverse situazioni, potrà avvalersi del solo trattamento chinesiterapico, ovvero della ginnastica perineale, o del trattamento chinesiterapico associato al biofeedback e/o all’elettrostimolazione.