Cenni di anatomia

 

Il pavimento pelvico o perineo è la parte del corpo che chiude inferiormente il nostro bacino ed è’ costituito da muscoli, fasce e legamenti che, come un’amaca, sostengono gli organi contenuti nella pelvi (vescica, utero, retto…).

Il perineo ha forma di losanga il cui apice anteriore corrisponde al contorno inferiore della sinfisi pubica, l’apice posteriore corrisponde all’apice del coccige e i due apici laterali corrispondono alle tuberosità ischiatiche; la linea che idealmente congiunge le due tuberosità ischiatiche (denominata linea bisischiatica) divide la regione perineale in due triangoli denominati regione perineale anteriore e regione perineale posteriore.

   

Il pavimento pelvico, inoltre, viene abitualmente suddiviso in 3 strati: lo strato più profondo è rappresentato dal  ”diaframma pelvico” che è comune sia alla regione perineale anteriore sia alla regione perineale posteriore; lo strato intermedio è rappresentato dal “diaframma uro-genitale” ( o “trigono uro-genitale“)ed è proprio della regione perineale anteriore; lo strato più superficiale prende il nome di “piano superficiale del perineo“.

 

DIAFRAMMA PELVICO

Il diaframma pelvico, che  rappresenta lo strato più profondo del pavimento pelvico, ha la forma di un imbuto  a concavità superiore ed è attraversato nel più  declive dal retto venendo così diviso in due parti: la cavità pelvica superiormente e le 2 fosse ischio-rettali destra e sinistra inferiormente. Il diaframma pelvico è costituito da 2 muscoli pari e simmetrici che sono  anteriormente il muscolo elevatore dell’ano  e posteriormente il muscolo ischio-coccigeo.

Il muscolo elevatore dell’ano ha forma quadrangolare e rappresenta la porzione più importante del diaframma pelvico; esso  può venire a sua volta suddiviso in altri gruppi muscolari:

  • muscolo pubo-coccigeo che origina a livello del pube per dirigersi verso il coccige;

  • muscolo ileo-coccigeo che segue latero-posteriormente il muscolo pubo-coccigeo e che origina dalla porzione posteriore dell’arco tendineo del muscolo elevatore dell’ano e dalle spine ischiatiche per terminare a livello del coccige e del rafe anococcigeo (punto di inserzione delle due metà posteriori del muscolo elevatore dell’ano);

  • muscolo pubo-rettale che parte dal pube e nel suo percorso iniziale non è facilmente distinguibile dal muscolo pubo-coccigeo e va a formare una sorta di fionda che circonda il retto.

    il muscolo ischio-coccigeo, invece, segue posteriormente il muscolo ileo-coccigeo e origina dalle spine ischiatiche per terminare a livello dell’osso sacro e del coccige

  • DIAFRAMMA (o TRIGONO) URO-GENITALE

    Il Diaframma , o trigono, urogenitale, che rappresenta lo strato intermedio del pavimento pelvico occupandone la regione perineale anteriore, è costituito principalmente dal muscolo trasverso profondo del perineo che è un muscolo pari e simmetrico che origina dal ramo ischiopubico dell’osso dell’anca per andare a congiungersi alla porzione controlaterale in corrispondenza del centro tendineo del perineo.

    Completa il diaframma uro-genitale il muscolo sfintere striato dell’uretra che è un muscolo impari formato da fibre striate ad andamento circolare che, nella donna, circondano uretra e vagina

    PIANO SUPERFICIALE DEL PERINEO

    Il piano superficiale del perineo in corrispondenza della regione perineale anteriore è costituito dai muscoli bulbocavernosi e dai muscoli ischiocavernosi.

    Il muscoli bulbocavernosi anteriormente circondano con le proprie fibre il clitoride mentre, posteriormente, a livello del rafe perineale si incrociano con le fibre controlaterali dello sfintere esterno dell’ano.I muscoli ischiocavernosi rivestono nella donna la base del clitoride e contribuiscono alla funzione erettile.

    In corrispondenza della regione perineale posteriore troviamo il muscolo sfintere esterno dell’ano che è un muscolo striato che circonda l’ano.

    A completare il quadro muscolare dello strato più superficiale del pavimento pelvico troviamo il muscolo trasverso superficiale del perineo, muscolo pari che partendo dalle tuberosità ischiatiche si congiunge alla porzione controlaterale in corrispondenza del centro tendineo del perineo.

     

    I legamenti pelvici, che hanno funzione di sospensione, contribuiscono con la struttura muscolare del perineo a mantenere in sede gli organi pelvici